Giardini giapponesi e Bonsai

Giardini giapponesi e Bonsai

Giardini giapponesi e Bonsai

Giardini giapponesi e Bonsai

Il giardino giapponese è un giardino tradizionale che crea paesaggi ideali in miniatura, spesso in un modo altamente astratto e stilizzato. I giardini degli imperatori e nobili sono stati progettati per la ricreazione e il piacere estetico, mentre i giardini di templi buddisti sono stati progettati per la contemplazione e la meditazione.

I principali stili di giardini giapponesi sono:

  • karesansui, giardini di roccia giapponesi o giardini zen, dove si medita, dove la sabbia bianca sostituisce acqua;
  • roji, semplici, giardini rustici con case da tè, dove si svolge la cerimonia del cha no yu (the giapponese);
  • kaiyu-shiki-teien, dove il visitatore può seguire un percorso intorno ad esso per vedere paesaggi accuratamente composti;
  • tsubo-niwa, piccoli giardini situati in cortile.

Per secoli i giardini giapponesi si sono sviluppati sotto l'influenza dei giardini cinesi, ma a poco a poco i progettisti di giardini giapponesi cominciarono a sviluppare i loro stili, basati su materiali della cultura giapponese. Durante il periodo Edo, dal XVII al XIX secolo, il giardino giapponese raggiunge il suo massimo livello e cristallizzò le sue forme in aspetti distinti. Successivamente, dalla fine del XIX secolo, i giardini giapponesi hanno iniziato a modellarsi fondendosi con le impostazioni occidentali.